Incubatori d’impresa azionisti in 275 startup italiane

Incubatori d’impresa azionisti in 275 startup italiane

Pubblicato il

Lun, 02/04/2019 – 15:27

Data News
Lun, 02/04/2019 – 12:00

Arriva il secondo report sull’impatto degli incubatori d’impresa e acceleratori italiani realizzato da Italia Startup in collaborazione con il Politecnico di Torino. La prima edizione, presentata a gennaio 2018, aveva evidenziato un trend positivo nel nostro Paese rispetto a incubatori, acceleratori e coworking che offrono servizi di formazione e accompagnamento manageriale, contando 162 realtà.

Il nuovo report conferma la tendenza positiva e identifica 171 realtà, tra incubatori e acceleratori. Quasi il 60% si trova in Italia settentrionale. La Lombardia è la regione che ospita il maggior numero di incubatori, con il 25,3% del totale, seguita dall’Emilia Romagna, con il 10,6%, e la Toscana con l’8,8%. L’area meridionale, quella insulare ed i territori del Nord-Est rappresentano le zone in cui vi è il minor numero di incubatori. Per quanto riguarda la natura giuridica il 64,2% è di natura privata, il 13,9% ha natura pubblica e il 21% ha natura ibrida.

L’ analisi è stata realizzata dal team di ricercatori Social Innovation Monitor (SIM) con base al Politecnico di Torino, in collaborazione con Italia StartUp e con il supporto di Banca Etica, Compagnia di San Paolo, Impact Hub Milano, Instilla, IREN, Make a Cube3, SocialFare e Social Innovation Teams (SIT).

La mappatura delle singole realtà ha permesso il coinvolgimento (survey) degli incubatori e acceleratori italiani e l’utilizzo di database come quello dei bilanci delle imprese e quello delle startup innovative.

“Emerge un quadro molto diversificato e in evoluzione. – afferma Paolo Landoni, del Politecnico di Torino, direttore scientifico della ricerca – Aumenta l’attenzione alle imprese a significativo impatto sociale e aumentano gli incubatori che affiancano alle proprie attività tipiche attività di selezione e investimento nell’equity delle startup. Investimenti importanti, perché in una fase seed molto rischiosa a cui non sono interessati altri investitori.”

Infatti sono 275 le startup, iscritte al registro delle imprese entro il 31/12/2017, per le quali risulta una partecipazione azionaria da parte di incubatori e acceleratori italiani.  E gli incubatori e gli acceleratori si confermano attenti alle primissime fasi di sviluppo dei progetti imprenditoriali: 3 su 10 dei soggetti da loro accelerati sono team imprenditoriali che non hanno ancora costituto la propria impresa e sono 205 (sulle 275 di cui sopra) le imprese per le quali gli incubatori e gli acceleratori sono tra i fondatori.

Più della metà degli incubatori ha supportato organizzazioni a significativo impatto sociale. Interessante notare le differenze rispetto all’anno passato per quanto riguarda l’analisi dei settori di appartenenza. Mentre dodici mesi fa quello più rappresentato era quello legato alla cultura, alle arti e all’artigianato, ora questo settore si trova al secondo posto, è stato superato da quello della salute e del benessere che ha toccato quota 21,4% sul totale.

Continua a leggere su startupbusiness.it
 

 
Continua a leggere la notizia Incubatori d’impresa azionisti in 275 startup italiane su Emilia Romagna Startup

Fonte: Emilia Romagna Startup

You May Also Like